Le mie borse sono la sintesi della mia creatività, l'espressione più pura di me stessa.

Credo che la Passione muova tutto, e io ho sempre avuto una passione smodata per le borse.

Per me la borsa è un fondamento dello stile, un capo d’abbigliamento necessario e non capisco coloro che si ostinano a ritenerla un semplice accessorio.

Fin da piccolissima ho sempre indossato la “borsetta” e ci tenevo molto: consideravo quelle che avevo come oggetti preziosi, da trattare con la massima cura. Un giorno, una mia sedicente amichetta mi fece un (gran!) dispetto: sporcò la mia borsa preferita (bianca e rossa) col gelato al cioccolato. Ancora oggi provo fastidio al solo ricordo.

Da allora sono cresciuta e, insieme a me, la mia passione per le borse.

All’università avevo un amico, figlio di un conciatore di S.Croce. Aveva saputo della mia “fissazione” e spesso mi portava della pelle dal laboratorio del padre. Gli ero molto grata perché, con quella fornitura gratuita, potevo sbizzarrirmi a disegnare borse ad hoc, secondo il colore e il tipo di pelle.

Le borse me le confezionava una sarta molto brava che avevo conosciuto qualche tempo prima.

Pezzi unici. Solo per me.

Non mi sono mai piaciute le borse “in serie”, il mio amore per le borse si esprimeva attraverso la creazione di pezzi unici, partoriti dalla mia fantasia per essere espressioni estetiche della mia visione del mondo. Se ne accorgevano le mie amiche le quali, sebbene portassero spesso pezzi griffati, guardavano con interesse le mie creazioni e le volevano.

Non era possibile, naturalmente: ogni mia borsa era unica.

Nel disegnare i miei modelli non cercavo solo la bellezza, l’eleganza, il perfetto abbinamento di colori… volevo anche la qualità dei materiali, la ricercatezza del dettaglio e, last but not least, la praticità di utilizzo.

“Ma dove l’hai comprata?” era una domanda ricorrente da parte di qualunque donna mi vedesse ritrovare le chiavi di casa o della macchina senza alcun problema, nonostante il consueto bailamme presente nella mia borsa.

Nonostante fossi molto orgogliosa delle mie creazioni, a un certo punto ho dovuto smettere di disegnarle: risvolti della vita, il lavoro, il matrimonio, i figli...

La passione però cova dentro e nutre la fantasia. Questo mi ha portata a presiedere un’associazione che, tra i propri intenti, aveva quello di rivisitare l’artigianato italico. Una bellissima esperienza che mi ha riportato quasi a tempo pieno, alla mia vecchia e mai sopita pulsione: disegnare borse.

Negli anni ho affinato le mie capacità stilistiche, ho stretto rapporti con artigiani bravissimi e puntuali, ho conosciuto tessitrici che col telaio a mano fanno miracoli...

Ho creato un team che concretizza i miei disegni, dando forma alle pelli e ai materiali che scelgo personalmente borsa per borsa.

Direi che è molto...ma non tutto, non resta che far parlare le borse. Fatevi un giro per le gallery, navigate con calma e godetevi il tour.
Scoprite un nuovo concetto di eleganza e di praticità declinato in una borsa.


ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER SETTIMANALE!